… degustando degustando!

…poichè le parole sono come il vino, hanno bisogno del respiro e di tempo perchè il velluto della voce riveli il loro sapore definitivo. (Luis Sepùlveda)

Piromàfo 2007 – Valle dell’Asso

Lascia un commento

Azienda Agricola VALLE DELL’ASSO – Via Guidano, 18 – 73013 Galatina (LE) – Italy Tel. 0836 561473

Non molto tempo fa ho partecipato ad una interessante ma impegnativa (visto il grado alcolico dai 14° ai 19°) degustazione di 12 Negroamaro.
Tra i tanti nomi delle aziende presenti ne ricordo alcuni come Agricole Vallone con il Graticciaia, Taurino con il Patriglione, Azienda Monaci con Le braci, Milleuna con Capitolo Laureto, Cantele con Teresa Manara, Tormaresca con il Maime, Valle dell’ Asso con il Primomafo.

Primomafo_RetroProprio quest’ultimo vino mi ha impressionato favorevolmente per profumi, eleganza, bevibilità e non ultimo per il prezzo interessante, bottiglia pagata circa 18 euro (prezzo cantina 13,5 Euro).

I vigneti di Valle dell’Asso sono situati nella Piana salentina leccese,
il clima da queste parti è arido, la luce è intensa (influenza del 40° parallelo) ed il suolo è definito localmente PIROMÀFO (dal greco PIRO MACOS combattente il fuoco), ovvero resistente alla siccità.

A Valle dell’Asso, si è deciso da tempo di perseguire la tecnica
dell’ ARIDO-COLTURA! (Si coltiva senza irrigare).
Questa prevede sarchiature (taglio e rimescolamento dello strato superficiale del terreno) poco profonde che permettono la traspirazione del terreno senza perdita di umidità.
Da questa decisione maturata dalla famiglia Vallone, proprietaria dell’Azienda e dall’ enologo Elio Minoia, persona molto attenta al legame con il territorio, scaturisce una viticultura di qualità.
Il rispetto per la terra in questa azienda risale a tempi lontani.
La concimazione è organica, sulle foglie per la lotta alle crittogame si irrora solo zolfo e rame.

Il nome Negroamaro deriva da due parole, una latina NIGRA e l’altra greca MAVRO, entrambi i significati evidenziano il colore NERO o SCURO dell’ uva e del vino.

Questo Primomafo, Negroamaro in purezza, proviene da 5 ettari di vigneti siti nella zona di Agro di Galatina, la resa per ettaro è bassa, circa 50 q, affinamento in acciaio, 8-12 mesi in grandi botti di rovere di Slavonia da 50 hl e 6 mesi in bottiglia.

Primomafo_1Colore rubino vivo con unghia decisamente granata.

Naso elegante di buona intensità ed ampiezza, decisamente minerale, lieve grafite, seguono note balsamiche, mentolate, si fanno strada i frutti rossi decisi e maturi, la ciliegia sottospirito, le spezie.

L’ ingresso in bocca è fine, morbido, caldo, di buona mineralità e frescheza di bevuta, il tannino è ben presente ma setoso (asciuga giusto un pò alla fine) ed è ben amalgamato con la struttura del vino che non è eccessivamente ingombrante. Il fruttato ben percepibile e decisamente maturo, domina la scena finale. Buono è l’equilibrio, lunga la persistenza.

Questo negroamaro a mio avviso ha una bevibilità eccezionale per la tipologia, abbastanza scattante ed elegante il suo grado alcolico è di 14.5 % vol..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...