… degustando degustando!

…poichè le parole sono come il vino, hanno bisogno del respiro e di tempo perchè il velluto della voce riveli il loro sapore definitivo. (Luis Sepùlveda)


Lascia un commento

Neumagener Rosengärtchen Auslese 1989 – George Heim

George Heim – Krischelsberg 14 – 54347 Neumagen-Dhron Tel. + Fax: 0 65 07 – 21 86

Tappo_Heim
Auslese Neumagener Rosengärtchen 1989 è il Riesling che ho degustato con un amico qualche giorno fa.

Auslese ovvero “Vendemmia Selezionata” è un vino che può essere secco o con residuo zuccherino. La raccolta di uve selezionate è manuale, gli acini sono rigorosamente maturi, possono essere stati attaccati dalla muffa nobile.

Grande stupore nell’ estrazione di un tappo integro e perfetto per un vino con molti anni sulle spalle.
Mi sono servito di un cavatappi lamellare, indispensabile per questa tipologia di vini, in modo da evitare la frantumazione del tappo, che con molta probabilità nel tempo si è saldato alla bottiglia.
RielingHeim
Colore giallo oro vivo, luminoso, di quelli che forse non ti aspetti in un vino di ben 25 anni!

Nel bicchiere si muove in maniera consistente, è intenso, complesso, da subito decisamente minerale con scia di idrocarburo ben evidente, che identifica da subito la sua zona di provenienza, il terreno, il vitigno. Siamo in Mosella!
Seguono immediatamente note dolci di fiori come il tiglio e frutta matura gialla, si fa strada un avvolgente sentore di cedro che si contrappone ad un agrumato con un pompelmo deciso in evidenza, seguono note di bergamotto e lievi sbuffi di zafferano.

In bocca entra morbido, abbastanza avvolgente, si percepisce il residuo zuccherino che è bilanciato magistralmente da una grande freschezza gustativa, sorretta nel sorso da sapidità al quanto decisa. Il vino è dinamico in bocca, mai banale, buona corrispondenza con quanto sentito al naso, invoglia la bevuta. La persistenza è notevole.

Vino che sicuramente non ricorderò per la grandissima complessità sentita in altri Auslese coetani, ma per essere stato un Riesling equilibrato, armonico, ben fatto e in “piena salute” con ancora strada davanti a se.


1 Commento

Spigau Crociata 2007 – Le Rocche del Gatto

Azienda Agricola “Le Rocche del Gatto” di De Andreis Fausto
Reg. Ruato n. 4 – Fraz. Salea – 17031 Albenga SV – tel. 348 2627094

Azzarderei dire in maniera provocatoria “destabilizzante” lo Spigau Crociata 2007 di De Andreis (Le Rocche del Gatto).

Spigau2007Colore giallo oro vivo, intenso, complesso, il suo bouquet spazia, dai fiori alla frutta maturi, su tutti ginestra ed albicocca, poi erbe aromatiche come timo, salvia, rosmarino ma non solo.

Di decisa impronta minerale, si fanno strada note di idrocarburi, grafite ed una lieve percezione mentolata, a seguire note ossidative e di miele (tipo di castagno).

In bocca è avvolgente, morbido di buona struttura, decisa la spalla acida che unitamente alla percezione sapida lo rende un vino di grande bevibilità, nonostante la sua alcolicità.
Finale amarognolo e di ottima persistenza.

Un vino che ha ancora strada davanti. Prosit!